X Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e analitici, anche di terze parti. Proseguendo nella navigazione, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si presta il consenso all'uso dei cookie. Per approfondimenti o per disattivare l'utilizzo dei cookie sul proprio browser, cliccare qui; se non si intende accettare, si prega di chiudere questa finestra del browser.
icona loading
0 - 0 - vuoto.php
1 - 0 - chi-siamo.php
1 - 1 - consiglieri.php
1 - 2 - eventi-elenco/359/Riunioni-consiglio-OPT.php
1 - 3 - protocolli-intesa.php
1 - 4 - commissioni-OPT.php
1 - 5 - eventi-elenco/7373/Riunioni-commissioni-OPT.php
1 - 6 - gruppi-lavoro.php
1 - 7 - eventi-elenco/7372/Riunioni-gruppi-di-lavoro-OPT.php
1 - 8 - uffici-staff.php
2 - 0 - ordine-psicologi-toscana/contatti.php
2 - 1 - ordine-psicologi-toscana/La-segreteria.php
2 - 2 - ordine-psicologi-toscana/dove-siamo.php
3 - 0 - come-fare-per-elenco.php
4 - 0 - normativa.php
5 - 0 - iscritti-ricerca-avanzata.php
6 - 0 - amministrazione-trasparente.php
7 - 0 - area-riservata.php
7 - 1 - delibere-verbali.php
7 - 2 - pdf/certificato.php
7 - 3 - area-riservata-scheda.php
7 - 4 - tutela-legale-azioni.php
7 - 5 - ordine-psicologi-toscana/Modalit-di-accesso-a-FAD.php
8 - 0 - avvisi-esiti.php
9 - 0 - tutela-professionale.php
9 - 1 - tutela-legale-sentenze.php
9 - 2 - tutela-legale-azioni.php
9 - 3 - comunicazione/Form-Segnalazioni.php
10 - 0 - eventi.php
10 - 1 - eventi.php
10 - 2 - comunicazione/Segnala-Evento.php
10 - 3 - materiale-eventi.php
10 - 4 - ordine-psicologi-toscana/Modalit-di-accesso-a-FAD.php
11 - 0 - offerte-lavoro.php
11 - 1 - offerte-lavoro.php
11 - 2 - comunicazione/Segnala-offerta-di-lavoro.php
12 - 0 - bacheca-cerco-offro.php
13 - 0 - notizie.php
14 - 0 - modulistica.php
15 - 0 - rassegna-stampa.php
16 - 0 - servizi-per-il-cittadino.php
17 - 0 - convenzioni-elenco.php
18 - 0 - archivio.php
18 - 1 - archivio.php
18 - 2 - archivio-bollettino.php
18 - 3 - archivio-rapporti-cnop.php
19 - 0 - pubblicit-agrave-legale.php
19 - 1 - pubblicita-leg/Sospesi.php
19 - 2 - pubblicita-leg/Procedura-acquisto.php
20 - 0 - biblioteca-dei-test.php
21 - 0 - STP-Societa-tra-Professionisti.php
22 - 0 - scuole-psicoterapia.php
23 - 0 - pubblicazioni.php

ACCESSO ISCRITTI OPT
Numero Iscrizione Ordine
Password
INVIA Non ricordo il mio numero di iscrizione all’ordineRecupera password
Inserire qui il vostro numero di iscrizione all'ordine per reimpostare la password
Non ricordo il mio numero di iscrizione all'ordine Torna al login
INVIA
Inserire qui il vostro cognome per recuperare il numero di iscrizione all'ordine
Torna al login
INVIA
Cerca
logo OPT
NoMessaggio
X
NoMessaggio
X
Consenso informato alla prestazione
Sulla base di un principio generale ormai consolidato e dell'art. 24 del Codice Deontologico, l'utente/cliente deve essere adeguatamente informato su una serie di aspetti relativi alla prestazione professionale e su tali aspetti deve esprimere il proprio consenso; il professionista deve perciò informare l'utente/paziente circa: il proprio ruolo e la competenza; i rischi e i disagi che l'utente/paziente può subire durante la prestazione; i benefici che si possono ottenere; le alternative al trattamento presentato e le loro caratteristiche; le possibilità che l'utente/paziente possa chiedere chiarimenti circa la prestazione in qualsiasi momento; la possibilità di revocare il consenso in qualsiasi momento.

All'interno del consenso informato il professionista deve pertanto fornire informazioni su:
  1. le prestazioni offerte e le loro finalità
  2. le modalità di esecuzione di tali prestazioni
  3. il trattamento del materiale acquisito durante il rapporto professionale
  4. i tempi indicativi della durata dell'intervento
  5. l'interruzione della prestazione
  6. il grado e i limiti giuridici della riservatezza

Preventivo

Dal 29 agosto 2017, è diventato obbligatorio fornire al paziente/cliente, al momento del conferimento dell'incarico, un preventivo scritto sulla prestazione. E' questa una delle novità di maggiore interesse previste dall’art. 1, comma 150 della Legge 4 agosto 2017, n. 124 (“Legge annuale per il mercato e la concorrenza”).

Già il D.L. 4 gennaio 2012, n. 1, aveva introdotto l'obbligo del preventivo per i tutti i professionisti; senza però fare richiesta espressa della forma scritta (o digitale). D’ora in poi è quindi necessario comunicare a chi conferisce l’incarico, in tali nuove forme, la prevedibile misura del costo della prestazione, con un preventivo di massima. Il costo della prestazione deve essere adeguato all'importanza dell'opera e va pattuito indicando per le singole prestazioni tutte le voci di costo, comprensive di spese, oneri e contributi.

La disposizione di legge riguarda sia i nuovi pazienti presi in carico sia quelli che sono già in trattamento.
Numerosi professionisti stanno chiedendo chiarimenti all’Ordine in quanto ritengono molto difficile poter prevedere la durata, e quindi il costo complessivo, delle prestazioni erogate.

Le perplessità manifestate sono comprensibili, soprattutto nell’ambito di taluni approcci psicoterapeutici ma, d’altro canto, la norma di legge è quanto mai chiara ed è necessario rispettarla.

Una soluzione percorribile nel caso di interventi di cui non è possibile prevedere con certezza la durata, è quella di approntare un preventivo di massima, chiarendo fin da subito che è presumibile che la prestazione potrà protrarsi e che, in tal caso, sarà cura del professionista integrare e aggiornare il preventivo nel momento in cui sarà più prevedibile il percorso e la sua durata.

Sarà quindi necessario aver cura ogni volta di far sottoscrivere al paziente l’aggiornamento delle previsioni di costo della prestazione.
Si ricorda che in caso di contenzioso, in assenza di preventivo scritto fornito al paziente, non sarà possibile ottenere un parere di congruità sulla notula da parte dell’Ordine e ciò costituisce un grave pregiudizio per un’eventuale azione civile di recupero crediti.

Lo stesso D.L. 4 gennaio 2012, n. 1 prevede che al cliente vengano comunicati gli estremi della copertura assicurativa per la responsabilità civile.
Altra novità di rilievo prevista dalla legge n. 124, che riguarda tutti i professionisti iscritti ad ordini e collegi allo scopo di "assicurare la trasparenza delle informazioni nei confronti dell'utenza, è che essi sono ora tenuti ad indicare e comunicare i titoli posseduti e le eventuali specializzazioni” (art. 1, comma 152).

La comunicazione di titoli e specializzazioni non è quindi più solo una facoltà per il professionista (al fine di fornire pubblicità informativa circa la propria attività, come già sancito dal DPR 137/2012), ma diventa un obbligo.

La legge non specifica le forme in cui è necessario rispettare tale obbligo. E’ perciò possibile affermare che la completa e corretta indicazione dei propri titoli e specializzazioni su tutti i media utilizzati a fini pubblicitari o professionali (come pure su carta intestata, biglietti da visita etc.), insieme alla esaustiva informazione in merito fornita al paziente/cliente (in qualsiasi modalità) al momento dell’assunzione dell’incarico siano atti sufficienti a integrare tale obbligo.
Potrebbe interessarti anche...