X Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e analitici, anche di terze parti. Proseguendo nella navigazione, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si presta il consenso all'uso dei cookie. Per approfondimenti o per disattivare l'utilizzo dei cookie sul proprio browser, cliccare qui; se non si intende accettare, si prega di chiudere questa finestra del browser.
icona loading
0 - 0 - vuoto.php
1 - 0 - chi-siamo.php
1 - 1 - consiglieri.php
1 - 2 - eventi-elenco/359/Riunioni-consiglio-OPT.php
1 - 3 - protocolli-intesa.php
1 - 4 - commissioni-OPT.php
1 - 5 - eventi-elenco/7373/Riunioni-commissioni-OPT.php
1 - 6 - gruppi-lavoro.php
1 - 7 - eventi-elenco/7372/Riunioni-gruppi-di-lavoro-OPT.php
1 - 8 - uffici-staff.php
2 - 0 - ordine-psicologi-toscana/contatti.php
2 - 1 - ordine-psicologi-toscana/La-segreteria.php
2 - 2 - ordine-psicologi-toscana/dove-siamo.php
3 - 0 - come-fare-per-elenco.php
4 - 0 - normativa.php
5 - 0 - iscritti-ricerca-avanzata.php
6 - 0 - amministrazione-trasparente.php
7 - 0 - area-riservata.php
7 - 1 - delibere-verbali.php
7 - 2 - pdf/certificato.php
7 - 3 - area-riservata-scheda.php
7 - 4 - tutela-legale-azioni.php
7 - 5 - ordine-psicologi-toscana/Modalit-di-accesso-a-FAD.php
8 - 0 - avvisi-esiti.php
9 - 0 - tutela-professionale.php
9 - 1 - tutela-legale-sentenze.php
9 - 2 - tutela-legale-azioni.php
9 - 3 - comunicazione/Form-Segnalazioni.php
10 - 0 - eventi.php
10 - 1 - eventi.php
10 - 2 - comunicazione/Segnala-Evento.php
10 - 3 - materiale-eventi.php
10 - 4 - ordine-psicologi-toscana/Modalit-di-accesso-a-FAD.php
11 - 0 - offerte-lavoro.php
11 - 1 - offerte-lavoro.php
11 - 2 - comunicazione/Segnala-offerta-di-lavoro.php
12 - 0 - bacheca-cerco-offro.php
13 - 0 - notizie.php
14 - 0 - modulistica.php
15 - 0 - rassegna-stampa.php
16 - 0 - servizi-per-il-cittadino.php
17 - 0 - convenzioni-elenco.php
18 - 0 - archivio.php
18 - 1 - archivio.php
18 - 2 - archivio-bollettino.php
18 - 3 - archivio-rapporti-cnop.php
19 - 0 - pubblicit-agrave-legale.php
19 - 1 - pubblicita-leg/Sospesi.php
19 - 2 - pubblicita-leg/Procedura-acquisto.php
20 - 0 - biblioteca-dei-test.php
21 - 0 - STP-Societa-tra-Professionisti.php
22 - 0 - scuole-psicoterapia.php
23 - 0 - pubblicazioni.php

ACCESSO ISCRITTI OPT
Numero Iscrizione Ordine
Password
INVIA Non ricordo il mio numero di iscrizione all’ordineRecupera password
Inserire qui il vostro numero di iscrizione all'ordine per reimpostare la password
Non ricordo il mio numero di iscrizione all'ordine Torna al login
INVIA
Inserire qui il vostro cognome per recuperare il numero di iscrizione all'ordine
Torna al login
INVIA
Cerca
logo OPT
NoMessaggio
X
NoMessaggio
X
Istituto del Patrocinio a spese dello Stato
L’istituto del patrocinio a spese dello Stato è regolamentato dal dpr 30.05.02, n. 115 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia. Tale legge assicura ai titolari di redditi bassi la facoltà di nominare il proprio difensore e il consulente tecnico. Si tenga conto che i compensi della consulenza non saranno liquidati se all’atto del conferimento, la consulenza appariva irrilevante o superflua ai fini della prova.
La retribuzione dei consulenti nominati dall’autorità giudiziaria avviene in base alle Tabelle ministeriali; per i consulenti nominati da una parte privata va fatto riferimento, a puro scopo orientativo, alle tabelle redatte dal relativo ordine professionale (Testo unico della tariffa degli Psicologi). In ogni caso, le spettanze sono liquidate dall’Autorità Giudiziaria e il progetto di notula deve perciò essere presentato all’Ufficio liquidazione parcelle del Tribunale competente.
Le prestazioni degli psicologi nominati dall’Autorità Giudiziaria vengono di norma assimilate alla “perizia o consulenza in materia psichiatrica o criminologia” che, essendo descritta nella tabella allegata al D. Ministero della Giustizia 30 maggio 2002 (Adeguamento dei compensi spettanti ai periti, consulenti tecnici, interpreti e traduttori per le operazioni eseguite su disposizione dell'autorità giudiziaria in materia civile e penale.) comporta un compenso fisso (da 96,58 a 387,86 euro). Lo stesso D.M. porta a 14,68 euro per la prima vacazione e 8,15 le successive il compenso per le prestazioni a onorario variabile. I soggetti interessati devono, quindi, predisporre progetto di notula e presentarlo per la liquidazione all’autorità giudiziaria procedente.

IPOTESI DI AMMISSIONE AL PATROCINIO DELLO STATO

IN AMBITO CIVILE
Una o entrambe le parti di un procedimento contenzioso, ovvero l’unica parte interessata ad altro tipo procedimento (es., il procedimento per inabilitazione o interdizione), possono essere state ammesse al patrocinio a spese dello stato. In tal caso, per quanto riguarda il compenso del CTU, occorre distinguere. Se il processo si conclude con la condanna della parte non ammessa al patrocinio, la sentenza di norma conterrà la condanna anche alle spese dell’ausiliario d’ufficio e quindi il CTU si rivolgerà ad essa. Se tuttavia la sentenza si conclude con compensazione di spese, ovvero con condanna della parte ammessa al patrocinio, si deve evidenziare che l’art. 131 del dpr 115/2002 prevede la possibilità di anticipazione a carico dell’erario delle sole spese ed indennità riferibili al CTU, mentre il compenso è, a domanda, prenotato a debito. "Prenotazione a debito" è l'annotazione a futura memoria di una voce di spesa, per la quale non vi è pagamento, ai fini dell'eventuale successivo recupero (art. 3, lett. s, dpr 115/2002). Ciò significa che il compenso non viene anticipato al CTU o CTP: questi dovranno invece domandare la prenotazione a debito e solo in caso di impossibilità di recupero nei confronti delle parti potenzialmente obbligate (o perché condannate dal provvedimento, o perché oggetto di revoca dell’ammissione al patrocinio a spese dello stato) potranno conseguire dall’erario il pagamento delle somme, appunto, prenotate a debito. In concreto, il meccanismo richiede tempi lunghissimi e preventive attività onerose, posto che l’impossibilità di recupero può essere oggettivamente attestata dopo tentativi effettivi e/o il decorso del termine per la revoca dell’ammissione al beneficio. Analogamente, il professionista nominato CTP dalla parte ammessa al patrocinio avrà azione di recupero diretto del compenso nei confronti della controparte del suo assistito, ma solo se soccombente in giudizio e condannata alle spese (anche) di CTP (NB: è l’avvocato della parte a dover indicare la richiesta nella notula giudiziale). Tale meccanismo evidenzia, dunque, una criticità della posizione del CTU e CTP nelle cause caratterizzate dall’ammissione al patrocinio a spese dello stato, criticità che tuttavia è stata ripetutamente considerata immune da vizi di legittimità costituzionale (Corte cost. ord. 12/2013 e 88/2013). Da evidenziare, tra l’altro, che l’art. 130 del dpr 115/2002 prevede che gli onorari degli ausiliari sono ridotti della metà.

IN AMBITO PENALE
Per quanto riguarda gli effetti dell’ammissione con riguardo al processo penale, il soggetto ammesso può nominare, oltre al difensore, un consulente tecnico di parte residente nel distretto di corte d'appello nel quale pende il processo (art. 102), ed in tal caso le spese relative al consulente di parte sono anticipate dall’erario (art. 107), sempre che il consulente abbia svolto attività che, all’atto del conferimento dell’incarico, non apparivano irrilevanti o superflue (art. 106). Analogamente sono anticipate dall’erario le spese relative al consulente tecnico d’ufficio che dovesse essere nominato dal giudice. Il compenso di tali figure dovrà essere determinato: - per il CTU con riferimento allo stesso dpr 115/2002 (cfr. artt. 49 e ss.) e quindi –in sostanza- in base al d.m. 30.5.2002 che ha aggiornato i compensi già previsti dalla l. 319/80; - secondo le vigenti tariffe professionali per il CTP. I soggetti interessati devono, quindi, predisporre progetto di notula attendendosi a tali due distinti criteri e presentarli per la liquidazione all’autorità giudiziaria che procede (art. 83); questa provvede con decreto di pagamento avverso il quale è ammessa opposizione (ad esempio, perché la liquidazione è inferiore al dovuto) nei 20 gg. dalla comunicazione, ai sensi dell’art. 170; da osservarsi che ai sensi dell’art. 105 il GIP liquida i compensi anche se l’azione penale non viene esercitata all’esito delle indagini preliminari. L’ammissione al patrocinio a spese dello Stato può anche essere revocata dal giudice che l’ha disposta, per svariati motivi (dichiarazione mendace sui redditi, sopravvenute nuove disponibilità economiche dell’interessato ecc.) ed allora sarà necessario rimettere la notula direttamente al soggetto che ha subito la revoca, nei cui confronti lo Stato agirà in rivalsa per le somme che avesse già dovute anticipare.
Potrebbe interessarti anche...